SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA

Digita la tua ricerca qui

Top
Image Alt

Storia della décolleté

  /  Voltan 1898   /  Storia della décolleté

Storia della décolleté

La décolleté è sicuramente la scarpa femminile per eccellenza.

Tutte le Donne la amano e ne possiedono almeno un paio nella propria scarpiera, un passe pour tout che ci può salvare in, quasi, tutte le occasioni.

Ma quando è nata la décolleté? E il tacco?

La storia della décolleté inizia nel XVI secolo, utilizzata dai soldati come uniforme di fanteria, chiaramente si trattava di décolleté prive di tacco.

Furono poi indossate dal sesso femminile solo nel XVIII secolo e rappresentava una calzatura alternativa alla scomodità delle pantofole e degli stivaletti allacciati.

Solo alla fine del ‘700, con l’avvento della pelle verniciata, iniziarono ad essere utilizzate come calzatura da festa, passando il tempo poi divenne unicamente una calzatura da Donna impreziosita da accessori per renderle eleganti e pregiate.

Il tacco, invece, è un’invenzione italiana.

La prima a lanciare la moda del tacco fu Caterina De’ Medici durante il suo matrimonio con il futuro Re di Francia, il duca di Orleans. La regina consorte utilizzò scarpe con il tacco di circa 7 centimetri per essere all’altezza del suo sposo.

Le prime vere décolleté con il tacco a spillo nacquero nel 1953 a Vigevano e presentavano tacchi in legno, che poi con il tempo furono modificati con l’aggiunta della base in alluminio per evitarne la rottura.

Da quel momento in poi la décolleté con il tacco a spillo divenne l’icona della femminilità così com’è ai giorni nostri, cambiando forma e misura per creare diversi stili adatti a tutti.

You don't have permission to register.
X